1
     

 

 

 

3
2

BLOG

5 vantaggi della realtà aumentata per marketing e pubblicità

5 vantaggi della realtà aumentata per marketing e pubblicità

notizia pubblicata in data : martedì 07 aprile 2020

Come Pikkart ormai promuove da anni, la realtà aumentata è una tecnologia applicabile efficacemente a qualsiasi settore, come cultura, sicurezza, formazione, manifattura, e molti altri.

 

Tra questi, un settore importante che ha da sempre attratto l’attenzione degli addetti ai lavori per le potenzialità che presenta è sicuramente quello del marketing.

 

Con l’avvento di internet il modo in cui i consumatori fanno acquisti ed interagiscono con il brand è cambiato. La realtà aumentata fa evolvere questa interazione in qualcosa di ancora più efficace che permette di raggiungere il consumatore in modi totalmente nuovi.

 

Ma cosa significa questo per chi fa marketing nel 2020? Che vantaggi può portare la realtà aumentata a chi vende un prodotto?

 

Scopriamolo insieme.

 

1 - Viralità ed effetto wow

Partiamo dal concetto più ovvio: la realtà aumentata è una tecnologia che fa parlare di sé.

Come dimostrato dall’Unbelievable Bus Shelter di Pepsi, di cui si parla ancora oggi dopo sei anni, per diventare virali possono bastare dei bei contenuti in AR usati in maniera intelligente e delle reazioni reali, il tutto raccolto in un video ben montato.

 

 

2 - Esperienza utente geolocalizzata

La visione di Ad personalizzati in base ad interessi, comportamento online e posizione geografica dell’utente non è una cosa nuova, ma raggiunge una nuova dimensione con la realtà aumentata.

 

Combinando geolocalizzazione ed AR è possibile ad esempio creare applicazioni che mostrano informazioni come locali e promozioni attorno all’utente, il tutto con icone o box informativi sospesi nella direzione del luogo d’interesse.

 

Ad usare questo modello possono essere applicazioni di:

  • promozione territoriale

  • agenzie di trasporti

  • brand

  • centri commerciali

  • ecc.

 

Queste applicazioni affittano un numero finito di spazi pubblicitari all’interno della propria piattaforma, in modo che, ad esempio, un turista che visita una città possa ricevere informazioni su dove mangiare/dormire/fare shopping, assieme alle indicazioni per raggiungere i monumenti locali.

 

3 - Gamification

Con la realtà aumentata è possibile creare engagement con concorsi a premi, raccolte punti, cacce al tesoro.

Il retro di una scatola di cereali può diventare il tabellone di un gioco da tavolo in cui le pedine e i dadi sono visibili in AR.

La scansione di un certo numero di loghi di un brand - utilizzando una tecnologia come Pikkart-AR Logo - può portare ad avere uno sconto sull’e-commerce o al supermercato.

 

 

Le applicazioni sono infinite.

 

4 - L’interattività della tecnologia porta all’acquisto

Lo shopping online ha semplificato la vita di molti, ma ha portato lo svantaggio di non poter vedere il prodotto reale.

L’AR va incontro a questa esigenza in una via di mezzo tra oggetto fisico e fotografia, grazie a modelli 3D che possono essere posizionati in contesto in scala 1:1, come ha fatto Ikea con la app Ikea Place, o come hanno fatto molti brand su Facebook Messenger, permettendo agli utenti di “provare” occhiali, trucco ed accessori.

 

 

5 - Non più semplici Ad stampati

A differenza degli Ad online, le pubblicità su riviste, cartelloni, e volantini, terminano il loro compito una volta che vengono viste, non possono portare il cliente al prodotto e la loro efficacia non è misurabile nell’immediato.

 

Trasformare le pubblicità stampate in marker rivoluziona queste premesse, regalando interattività ad un media statico.

 

Un volantino può garantire uno sconto sullo shop online, un cartellone può mostrare un’animazione che completa il messaggio pubblicitario, l’Ad su rivista può far partire un minigioco.

 

L’utilizzo più interessante e virale che è stato fatto della realtà aumentata nel marketing negli ultimi anni è sicuramente la campagna Burn that Ad di Burger King, dove i marker scatenanti non erano pubblicità di BK ma bensì dei loro competitors: inquadrando i cartelli di, per esempio, McDonald’s, questi prendevano fuoco (digitalmente!), rivelando una pubblicità di Burger King e regalando un codice per un Whopper gratuito.

 


 

Conclusioni

La realtà aumentata è una tecnologia straordinaria dal potenziale immenso, che con un po’ di creatività può portare a risultati stupefacenti con un ROI altissimo.

 

Hai un’idea per una campagna di marketing in AR ma non sai da dove cominciare?

 

Parlane con noi, possiamo trovare una soluzione insieme!

ultima modifica: giuliafiorenza.campagna  08/04/2020